Reazione ai farmaci idiosincratici: si verificano raramente…

Reazione ai farmaci idiosincratici
Reazione ai farmaci idiosincratici

Le reazioni ai farmaci idiosincratici , note anche come reazioni di tipo B , sono reazioni farmacologiche che si verificano raramente e in modo imprevedibile tra la popolazione. Questo non deve essere confuso con idiopatico , il che implica che la causa non è nota. Si verificano spesso con l’esposizione a nuovi farmaci, poiché non sono stati completamente testati e l’intera gamma di possibili effetti collaterali non è stata scoperta; possono anche essere elencati come una reazione avversa al farmaco con un farmaco, ma sono estremamente rari. Alcuni pazienti hanno intolleranza alle droghe multiple . I pazienti che hanno molteplici effetti idiopatici non specifici hanno maggiori probabilità di avere ansia e depressione. Le reazioni farmacologiche idiosincratiche sembrano non essere dipendenti dalla concentrazione. Una quantità minima di farmaco causerà una risposta immunitaria, ma si sospetta che a una concentrazione sufficientemente bassa, un farmaco abbia meno probabilità di iniziare una risposta immunitaria .

Meccanismo


Nelle reazioni avverse al farmaco che comportano overdose, l’effetto tossico è semplicemente un’estensione dell’effetto farmacologico (reazioni avverse al farmaco di tipo A). D’altro canto, i sintomi clinici delle reazioni idiosincratiche ai farmaci (reazioni avverse al farmaco di tipo B) sono diversi dall’effetto farmacologico del farmaco.

Il meccanismo proposto per la maggior parte delle reazioni idiosincratiche ai farmaci è la tossicità immuno-mediata. Per creare una risposta immunitaria, deve essere presente una molecola estranea che gli anticorpi possono legare (cioè l’antigene) e il danno cellulare deve esistere. Molto spesso, i farmaci non saranno immunogenici perché sono troppo piccoli per indurre risposta immunitaria. Tuttavia, un farmaco può causare una risposta immunitaria se il farmaco lega una molecola più grande. Alcuni farmaci inalterati, come la penicillina, legherà avidamente alle proteine. Altri devono essere bioattivati ​​in un composto tossico che a sua volta si legherà alle proteine. Il secondo criterio del danno cellulare può provenire da un metabolita tossico di droga / farmaco o da una lesione o infezione. Questi sensibilizzeranno il sistema immunitario al farmaco e causeranno una risposta. Le reazioni idiosincratiche rientrano convenzionalmente sotto tossicologia.


I contenuti in questa pagina hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: