La carenza di vitamina B12, segni e sintomi


Cyanocobalamin.svg

Vitamina B 
12 carenza

La vitamina B 12 carenza , noto anche come la carenza di cobalamina , è la condizione medica di bassi livelli ematici divitamina B 12 . In caso di lieve carenza, una persona può sentirsi stanca e avere un numero ridotto di globuli rossi (anemia). In caso di carenza moderata possono verificarsi infiammazione della lingua e l’inizio di problemi neurologici, comprese sensazioni anormali come spilli e aghi , mentre gravi carenze possono includere riduzione della funzionalità cardiaca e maggiori problemi neurologici. I problemi neurologici possono includere cambiamenti nei riflessi , scarsa funzionalità muscolare, problemi di memoria, diminuzione del gusto e, in casi estremi, psicosi . A volte può verificarsi anche infertilità temporanea . Nei bambini piccoli i sintomi comprendono scarsa crescita , scarso sviluppo e difficoltà nel movimento . Senza trattamento anticipato alcuni dei cambiamenti potrebbero essere permanenti. 

Le cause più comuni includono uno scarso assorbimento dallo stomaco o dall’intestino, una riduzione dell’assunzione e un aumento dei fabbisogni. Un ridotto assorbimento può essere dovuto ad anemia perniciosa , rimozione chirurgica dello stomaco, infiammazione cronica del pancreas , parassiti intestinali , alcuni farmaci e alcuni disturbi genetici . L’ assunzione ridotta può verificarsi in vegetariani o persone che sono malnutrite . I requisiti più elevati si verificano nelle persone con HIV / AIDS e in quelli con rapida disgregazione dei globuli rossi. La diagnosi è in genere basata sui livelli ematici di vitamina B 12 . Livelli elevati di acido metilmalonico possono anche indicare una mancanza. Un tipo di anemia noto come anemia megaloblastica è spesso ma non sempre presente.

Il trattamento consiste nell’uso di vitamina B 12 per via orale o per iniezione; inizialmente in dosi giornaliere elevate, seguite da dosi inferiori meno frequenti man mano che la condizione migliora. Se viene trovata una causa reversibile, questa deve essere indirizzata se possibile. Se non viene trovata alcuna causa reversibile – o quando viene trovata non può essere eliminata – di solito si raccomanda l’ assunzione di vitamina B 12 per tutta la vita . La carenza di vitamina B 12 è prevenibile con integratori contenenti la vitamina: questo è raccomandato in vegetariani e vegani in gravidanza e non dannoso in altri. Rischio di tossicità a causa della vitamina B 12 è basso.

La vitamina B 12 carenza nel Stati Uniti e il Regno Unito si stima che si verificano in circa il 6 per cento di quelli di età inferiore ai 60 anni, e il 20 per cento di quelli di età superiore ai 60 anni In America Latina i tassi sono stimati a 40 per cento e possono raggiungere l’80% in alcune parti dell’Africa e dell’Asia.

Segni e sintomi


La vitamina B 12 carenza può portare a anemia e disturbi neurologici . Un lieve deficit non può causare alcun sintomo discernibile, ma poiché la carenza diventa più significativa, possono verificarsi sintomi di anemia, come debolezza, affaticamento, sensazione di testa vuota, battito cardiaco accelerato, respiro accelerato e colore pallido della pelle. Può anche causare lividi o emorragie, comprese gengive sanguinanti, effetti collaterali gastrointestinali tra cui mal di lingua, disturbi allo stomaco, perdita di peso e diarrea o costipazione. Se la carenza non viene corretta, possono verificarsi danni alle cellule nervose. Se questo accade, vitamina B 12 carenza può provocare formicolio o intorpidimento alle dita delle mani e dei piedi, difficoltà a camminare, cambiamenti di umore, depressione, perdita di memoria, disorientamento e, in casi gravi, demenza.

Il principale tipo di anemia da carenza di vitamina B 12 è l’ anemia perniciosa . È caratterizzato da una triade di sintomi :

  1. Anemia con promegaloblastosi del midollo osseo ( anemia megaloblastica ). Ciò è dovuto all’inibizione della sintesi del DNA (in particolare purine e timidina)
  2. Sintomi gastrointestinali: alterazione della motilità intestinale, come lieve diarrea o stitichezza e perdita di controllo della vescica o dell’intestino. Si ritiene che ciò sia dovuto a una difettosa sintesi del DNA che inibisce la replicazione in un sito con un elevato turnover di cellule. Ciò potrebbe anche essere dovuto all’attacco autoimmune delle cellule parietali dello stomaco nell’anemia perniciosa. Esiste un’associazione con la sindrome di GAVE (comunemente chiamata anguria) e l’anemia perniciosa.
  3. Sintomi neurologici: Carenze sensoriali o motorie (assenza di riflessi, vibrazione attenuata o sensazione di tocco morbido), degenerazione subacuta combinata di midollo spinale , convulsioni, o persino sintomi di demenza  e o possono essere presenti altri sintomi psichiatrici. I sintomi di carenza nei bambini comprendono ritardo dello sviluppo , regressione , irritabilità , movimenti involontari e ipotonia .

La presenza di sintomi sensitivo-motori periferici o degenerazione subacuta combinata del midollo spinale suggerisce fortemente la presenza di un B 12 carenza invece di carenza di folato. L’acido metilmalonico, se non correttamente manipolato da B 12 , rimane nella guaina mielinica, causando fragilità. Anche la demenza e la depressione sono state associate a questa carenza, probabilmente dalla sotto-produzione di metionina a causa dell’incapacità di convertire l’omocisteina in questo prodotto. La metionina è un cofattore necessario nella produzione di numerosi neurotrasmettitori .

Ciascuno di questi sintomi può manifestarsi da solo o insieme ad altri. Il complesso neurologico, definito come mielosi funicolare , consiste dei seguenti sintomi:

  1. Percezione della percezione del tocco profondo, pressione e vibrazione, perdita del senso del tatto, parestesie molto fastidiose e persistenti
  2. Atassia del tipo di colonna dorsale
  3. Diminuzione o perdita dei riflessi muscolari-tendinei profondi
  4. Riflessi patologici – Babinski , Rossolimo e altri, anche paresi severa

La vitamina B 12 carenza può causare danni gravi e irreversibili, soprattutto al cervello e al sistema nervoso. Questi sintomi di danno neuronale potrebbero non invertirsi dopo la correzione delle anormalità ematologiche e la possibilità di un’inversione completa diminuisce con il tempo in cui i sintomi neurologici sono stati presenti. Le persone anziane sono a rischio ancora maggiore di questo tipo di danno. Nei neonati un numero di sintomi neurologici può essere evidente a causa di malnutrizione materna o anemia perniciosa. Questi includono scarsa crescita, apatia, assenza di desiderio di cibo e regressione dello sviluppo. Mentre la maggior parte dei sintomi si risolve con l’integrazione, alcuni problemi evolutivi e cognitivi possono persistere.

L’acufene può essere associato con la vitamina B 12 carenza.

Cause


  • Assunzione dietetica inadeguata di vitamina B 12 . La vitamina B 12 si trova nei prodotti di origine animale (uova, carne, latte) e in alcune alghe commestibili. B 12 isolato da colture batteriche è anche aggiunto a molti alimenti fortificati e disponibile come integratore alimentare. I vegani, e in misura minore i vegetariani di laurea, può anche essere a rischio per la B 12 carenza dovuta alla dieta alimentare inadeguata di B 12 , se non completano. I bambini sono a più alto rischio per la B 12 carenza a causa di assunzione con la dieta inadeguata, in quanto hanno un minor numero di negozi di vitamine e una vitamina relativamente più grande necessità per caloria di cibo.
  • Assorbimento selettivo selettivo della vitamina B 12 dovuto a carenza intrinseca del fattore . Ciò può essere causato dalla perdita di cellule parietali gastriche nella gastrite cronica atrofica (nel qual caso l’ anemia megaloblastica risultante prende il nome di ” anemia perniciosa “), o può derivare da un’ampia resezione chirurgica dello stomaco (per qualsiasi motivo), o da rare cause ereditarie di sintesi compromessa del fattore intrinseco. La carenza di B 12 è più comune negli anziani perché il fattore intrinseco gastrico, necessario per l’assorbimento della vitamina, è carente a causa della gastrite atrofica .
  • Assorbimento alterato di vitamina B 12 nel contesto di un malassorbimento più generalizzato o sindrome di maldigestione. Ciò include qualsiasi forma dovuta a danno strutturale o ampia resezione chirurgica dell’ileo terminale (il sito principale dell’assorbimento di vitamina B 12 ).
  • Forme di acloridria (compresa quella artificialmente indotta da farmaci come inibitori della pompa protonica e istamina 2 antagonisti dei recettori ) possono causare B 12malassorbimento dagli alimenti, poiché acido è necessario suddividere B 12 da proteine alimentari e proteine di legame salivari. Si ritiene che questo processo sia la causa più comune di B 12 bassa negli anziani, che spesso hanno un certo grado di acloridria senza essere formalmente bassi nel fattore intrinseco . Questo processo non influisce sull’assorbimento di piccole quantità di B 12 in integratori come i multivitaminici, poiché non è legato alle proteine, come lo è il B 12nei cibi.
  • Rimozione chirurgica dell’intestino tenue (ad esempio nella malattia di Crohn ) in modo tale che il paziente presenti una sindrome dell’intestino corto e non sia in grado di assorbire la vitamina B 12 . Questo può essere trattato con iniezioni regolari di vitamina B 12 .
  • L’uso a lungo termine di ranitidina cloridrato può contribuire alla carenza di vitamina B 12 .
  • La celiachia non trattata può anche causare un assorbimento alterato di questa vitamina, probabilmente a causa di un danno alla mucosa dell’intestino tenue . In alcune persone, la vitamina B 12 carenza può persistere nonostante la terapia con dieta priva di glutine e richiedono la supplementazione.
  • Alcune procedure chirurgiche bariatriche , in particolare quelle che comportano la rimozione di parte dello stomaco, come la chirurgia di bypass gastrico Roux-en-Y . (Procedure come il bendaggio gastrico di tipo non sembrano influenzare B 12 in modo significativo il metabolismo).
  • La proliferazione batterica all’interno di porzioni dell’intestino tenue, come può verificarsi nella sindrome da anello cieco , (una condizione dovuta ad un’ansa che si forma nell’intestino) può causare un aumento del consumo di vitamina B 12 da parte di questi batteri.
  • Il diabete farmaco metformina può interferire con B 12 assorbimento dietetico.
  • Una malattia genetica , la mancanza di transcobalamina II può essere una causa.
  • Alcolismo : se una “dieta” di assunzione eccessiva di alcol è sostituita da una dieta adeguata nelle fonti di B 12 .
  • Esposizione a protossido di azoto e uso ricreativo .
  • Infezione con la tenia di Diphyllobothrium latum
  • Esposizione cronica a muffe tossigeniche e micotossine trovate in edifici danneggiati dall’acqua.
  • Aumento dei bisogni da parte del corpo a causa dell’AIDS , o emolisi della scomposizione dei globuli rossi.

Meccanismo


La quantità totale di vitamina B 12 immagazzinata nel corpo è compresa tra due e cinque milligrammi negli adulti. Circa il 50% viene conservato nel fegato , ma circa lo 0,1% viene perso ogni giorno, a causa delle secrezioni nell’intestino: non tutta la vitamina nell’intestino viene riassorbita. Mentre bile è il principale veicolo B 12 escrezione, la maggior parte di questo viene riciclato tramite la circolazione enteroepatica . A causa dell’estrema efficienza di questo meccanismo, il fegato può immagazzinare da tre a cinque anni di vitamina B 12in condizioni normali e funzionanti. Tuttavia, il tasso al quale B 12i livelli possono cambiare quando l’assunzione di cibo è bassa dipende dall’equilibrio tra più variabili.

Metabolico

La carenza di vitamina B 12 causa particolari cambiamenti nel metabolismo di due sostanze clinicamente rilevanti nell’uomo:

  1. Omocisteina (omocisteina a metionina, catalizzata dalla metionina sintasi) che porta all’iperomocisteinemia
  2. Acido metilmalonico (metilmalonil-CoA a succinil-CoA, di cui metilmalonil-CoA è costituito da acido metilmalonico in una reazione precedente)

La metionina è attivata dalla S- adenosil metionina , che aiuta la sintesi della purina e della timidina, la produzione di mielina, la produzione di proteine ​​/ neurotrasmettitori / acido grasso / fosfolipidi e la metilazione del DNA. Il 5-metil tetraidrofolato fornisce un gruppo metilico, che viene rilasciato alla reazione con omocisteina, risultante in metionina. Questa reazione richiede cobalamina come cofattore. La creazione di 5-metil tetraidrofolato è una reazione irreversibile. Se B 12 è assente, la reazione diretta dell’omocisteina alla metionina non si verifica, le concentrazioni di omocisteina aumentano e il reintegro degli stop tetraidrofolati. Perché B 12 e folato sono coinvolti nel metabolismodi omocisteina, iperomocisteinauria è un marcatore non specifico di carenza. L’acido metilmalonico è usato come test più specifico della carenza di vitamina B12.

Pathomorphology

Uno stato spongiforme di tessuto neurale insieme a edema di fibre e carenza di tessuto. La mielina decade, insieme alla fibra assiale. Nelle fasi successive, si verifica la sclerosi dei tessuti nervosi. Questi cambiamenti si applicano alle parti dorsali del midollo spinale e ai tratti piramidali nelle corde laterali. Lo stato patofisiologico del midollo spinale è chiamato degenerazione subacuta combinata del midollo spinale .

Nel cervello stesso, i cambiamenti sono meno gravi: si presentano come piccole fonti di decadimento delle fibre nervose e accumulo di astrociti , di solito localizzati sottocorticali, e anche di emorragie rotonde con un toroide di cellule gliali. I cambiamenti patologici possono essere notati anche nelle radici posteriori del midollo e, in misura minore, nei nervi periferici. Anomalie potrebbero essere osservate nella risonanza magnetica.

Diagnosi



Immagine MRI del cervello nella carenza di vitamina B 12 , vista assiale che mostra la ” immagine FLAIR precontrastata “: notare le lesioni anomale (cerchiate) nell’area periventricolare che suggeriscono la patologia della sostanza bianca.


Immagine RM del midollo spinale cervicale nella carenza di vitamina B 12 che mostra una degenerazione combinata subacuta. (A) L’immagine media ponderata T2 mostra iperintensità lineare nella porzione posteriore del tratto cervicale del midollo spinale (frecce nere). (B) Le immagini pesate assiali T2 rivelano il coinvolgimento selettivo delle colonne posteriori.

La diagnosi è in genere basata su livelli ematici di vitamina B 12 inferiori a 120-180 picomol / L (170-250 pg / mL ) negli adulti. Livelli elevati di acido metilmalonico (valori> 0,4 ​​micromol / L) possono anche indicare una carenza.

Omocisteina siero e livelli di acido metilmalonico sono considerati indicatori più affidabili di B 12 carenza rispetto alla concentrazione di B 12 nel sangue. [41] I livelli di queste sostanze sono elevati nella carenza di vitamina B12 e possono essere utili se la diagnosi non è chiara.

Il monitoraggio di routine dei livelli di acido metilmalonico nelle urine è un’opzione per le persone che potrebbero non assumere abbastanza B 12 , poiché un aumento dei livelli di acido metilmalonico può essere un’indicazione precoce di carenza.

Se si sospetta un danno al sistema nervoso, è possibile eseguire l’ analisi B 12 nel liquido cerebrospinale , sebbene un test invasivo di questo tipo dovrebbe essere preso in considerazione solo se l’analisi del sangue non è conclusiva.

Il test di Schilling era un metodo radioisotopico, ormai superato, di test per la vitamina B 12 bassa .

Effetto dell’acido folico

Il National Institutes of Health (NIH) ha rilevato che “Grandi quantità di acido folico può mascherare gli effetti dannosi di vitamina B 12carenza correggendo l’anemia megaloblastica causata dalla vitamina B 12 carenza senza correggere il danno neurologico che si verifica anche”, ci sono anche indicazioni che “alti livelli sierici di folati potrebbero non solo mascherare vitamina B 12 carenza, ma potrebbero anche aggravare l’anemia e peggiorare i sintomi cognitivi associati alla vitamina B 12 carenza”. [2]A causa del fatto che negli Stati Uniti la legislazione ha richiesto una farina arricchita per contenere l’acido folico per ridurre i casi di difetti del tubo neurale fetale, i consumatori potrebbero ingerire più di quanto si rendano conto. Per contrastare l’effetto di mascheramento di B 12 carenza del NIH consiglia “l’assunzione di acido folico da alimenti e integratori fortificata non deve superare i 1.000 mg al giorno in adulti sani.” La cosa più importante, B 12 carenza deve essere trattata con B 12 sazietà. Limitare l’acido folico non neutralizzerà il danno neurologico irrevocabile causato dalla mancanza di B 12 non trattata .

Trattamento



L’iniezione di idrossicobalamina è una soluzione liquida limpida.

12 può essere completato da una pillola o iniezione e sembra essere ugualmente efficace in quelli con bassi livelli a causa di problemi di assorbimento.

Quando dosi elevate vengono somministrate per bocca, il suo assorbimento non dipende dalla presenza di un fattore intrinseco o di un ileo intatto. Generalmente sono necessari da 1 a 2 mg al giorno come dose elevata. Anche l’anemia perniciosa può essere trattata interamente per via orale.I supplementi a svolgere tali grandi dosi di vitamina che 1% a 5% di alte dosi orali di libero cristallino B 12 viene assorbito lungo l’intero intestino per diffusione passiva.

Epidemiologia


La vitamina B 12 carenza è abbastanza comune e diffusa. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, circa il 6 percento delle persone ha la carenza, e questa percentuale sale a circa il 20 percento in quelli di età superiore ai sessanta. Nei paesi meno sviluppati i tassi sono più alti. Ad esempio in tutta l’America Latina il 40 percento, in alcune parti dell’Africa il 70 percento, e in alcune parti dell’India il 70 e l’80 percento.

Storia


Adattato da :

  • 1849 – Thomas Addison descrisse per primo un caso di anemia perniciosa .
  • 1877 – William Osler e William Gardner descrivono per primo un caso di neuropatia in questa condizione.
  • 1878 – Hayem descrisse per la prima volta grandi globuli rossi nel sangue periferico in questa condizione, che chiamò “globuli rossi”, ora

chiamato macrocytes .

  • 1880 – Paul Ehrlich identifica per la prima volta i megaloblasti nel midollo osseo in questa condizione.
  • 1887 – Ludwig Lichtheim descrive per la prima volta un caso di miopatia in questa condizione.
  • 1926 – George Minot condiviso del 1934 premio Nobel con William Murphy e George Whipple , per la scoperta di un trattamento efficace per l’anemia perniciosa con concentrato al fegato, poi rilevata la presenza di una grande quantità di vitamina B 12 .
  • 1929 – William Castle ha dimostrato che il succo gastrico conteneva un “fattore intrinseco” che, combinato con l’ingestione di carne, determinava l’assorbimento della vitamina in questa condizione.

Altri animali


I ruminanti , come mucche e pecore, assorbono B 12 sintetizzato dai loro batteri intestinali. E necessario consumare quantità sufficienti di cobalto perché questa sintesi di B 12 si verifichi.

All’inizio del XX secolo, durante lo sviluppo per l’agricoltura dell’Altopiano vulcanico dell’Isola del Nord in Nuova Zelanda, il bestiame soffriva di quella che veniva definita “malattia da cespuglio”. Si scoprì che i terreni vulcanici mancavano dei sali di cobalto essenziali per la sintesi della vitamina dai loro batteri intestinali.

La “malattia costa” di pecore nelle dune costiere di Sud Australia nel 1930 è risultata provenire da carenze nutrizionali degli oligoelementi, cobalto e rame. La carenza di cobalto fu superata dallo sviluppo di “pallottole di cobalto”, dense palline di ossido di cobalto mescolate con argilla somministrate oralmente per l’alloggiamento nel rumine dell’animale.

I contenuti in questa pagina hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: